La sfiducia e la polarizzazione portano i governi rurali a rifiutare i finanziamenti federali per la sanità pubblica

Elko, Nevada – Quando i commissari della contea di Elko hanno rifiutato una sovvenzione di $ 500.000 dai Centers for Disease Control and Prevention che avrebbe potuto aiutare la contea a istituire un dipartimento o distretto sanitario, Kayla Hopkins li ha implorati di riconsiderare.

Hopkins, che ha vissuto per quasi nove anni nella tentacolare contea rurale che costituisce l’angolo nord-est del Nevada, ha raccontato al consiglio di amministrazione come ha lottato con la depressione postpartum e aveva bisogno di risorse per la salute mentale.

“Non sono stata in grado di ottenere l’aiuto di cui avevo bisogno”, ha detto Hopkins durante un incontro pubblico alla fine del 2021, aggiungendo di essere caduta in quello che potrebbe essere considerato un esaurimento nervoso. Ha detto di essere stata inviata in ambulanza aerea per più di 300 miglia a Carson City, dove ha ricevuto cure in una struttura psichiatrica per 10 giorni.

“Ero estraniato dalla mia famiglia”, ha detto Hopkins. “Ero così lontano dal mio sistema di supporto qui, lotto ancora con problemi di salute mentale e non riesco ancora a ottenere l’aiuto di cui ho bisogno perché qui non ce l’abbiamo”.

Gli appelli di Hopkins e altri non sono stati sufficienti per influenzare i commissari eletti. Né lo erano le 11 lettere dei dirigenti sanitari locali che sollecitavano il consiglio a iniettare fondi per la sanità pubblica. Quattro dei cinque commissari di contea, citando preoccupazioni per l’eccessiva portata del governo e la loro sfiducia nei confronti delle agenzie federali, hanno votato contro la richiesta della sovvenzione. Quasi un anno dopo, con l’epidemia che si avvicina al suo terzo anno e con l’arrivo del vaiolo delle scimmie, la provincia è ancora senza un dipartimento di sanità pubblica che possa rispondere.

La stessa sfiducia nei confronti degli enti che erogano i contributi per la sanità pubblica persiste altrove.

La contea di Elko, che ospita circa 54.000 persone, non è stata la sola a rifiutare gli aiuti federali destinati a migliorare la salute pubblica l’anno scorso. Gli esperti affermano di essere rimasti sorpresi e allarmati nel vedere il leader locale o statale di Nader, influenzato da pregiudizi politici, rifiutare opportunità di finanziamento per sistemi sanitari pubblici storicamente limitati.

Poiché molti leader conservatori e i loro elettori hanno criticato le misure volte a combattere il COVID-19 – cose come mascherare le politiche e promuovere i vaccini – la pandemia ha messo in luce crepe di lunga data nell’infrastruttura sanitaria pubblica del paese, in particolare nelle comunità rurali e svantaggiate.

“La politica partigiana ha avvelenato il pozzo così tanto che siamo disposti a sacrificare la salute dei nostri cittadini”, ha affermato Brian Castrucci, presidente e amministratore delegato della Fondazione De Beaumont, un’organizzazione no profit nazionale che sostiene la politica della salute pubblica. “Ne vale la pena la seccatura politica?”

Negli ultimi due anni, i funzionari dell’Idaho, dell’Iowa e del New Hampshire hanno rifiutato i fondi per i soccorsi covidi, le loro decisioni spesso accompagnate da dichiarazioni politiche sull’esagerazione del governo federale. I funzionari che rappresentano i governi locali in tutto il paese, comprese le contee di Cochise e Pinal in Arizona, hanno fatto eco a queste mosse. Un sondaggio sui governi locali di 15 stati condotto dalla National League of Cities ha rilevato che più di 200 piccoli governi hanno rifiutato i fondi per gli aiuti alla pandemia, una piccola percentuale del denaro a disposizione dei piccoli governi.

I commissari di Elko hanno rifiutato la sovvenzione per la forza lavoro finanziata dal CDC, fondi destinati a “creare, espandere e sostenere una forza lavoro della sanità pubblica, comprese le infermiere scolastiche”. I finanziamenti sarebbero confluiti attraverso lo stato fino alla contea, consentendole di impiegare personale dedicato ai servizi sanitari pubblici per due anni.

I lavoratori della contea incaricati di trovare e presentare la sovvenzione al consiglio hanno affermato che l’idea era di condurre uno studio in quei due anni che li avrebbe aiutati a determinare il costo della creazione di un dipartimento sanitario locale o distretto sanitario, anche con le contee vicine.

La contea di Elko non ha un dipartimento di sanità pubblica da quando i problemi di budget hanno spinto i funzionari a decifrarlo più di 15 anni fa.

Le comunità di tutto il paese hanno generalmente chiesto maggiori finanziamenti durante la pandemia, che ha messo a dura prova un’infrastruttura sanitaria pubblica già sottofinanziata e dotata di personale, ha affermato Adrian Casalotti, presidente del governo e degli affari pubblici presso l’Associazione nazionale dei funzionari sanitari della contea e della città.

“Tuttavia, negli ultimi mesi, direi, abbiamo sentito parlare di alcuni dipartimenti sanitari che non faranno domanda o non accetteranno… certe sovvenzioni”, ha detto Casalotti, “che includono i vaccini contro il coronavirus”.

In una riunione della commissione della contea di Elko alla fine del 2021, l’allora coordinatrice del Dipartimento dei trasporti Abigail Wheeler ha offerto la sovvenzione al consiglio e a una pletora di residenti desiderosi di esprimere le loro lamentele sul CDC e le affermazioni di eccesso di tasse federali, spese eccessive e corruzione in relazione a la risposta alla pandemia.

Wheeler ha iniziato chiedendo ai commissari della contea di mantenere una mente aperta.

“Sono molto consapevole che questo è fondamentalmente il momento peggiore in cui potresti concedere questa borsa di studio perché c’è molto malcontento per la salute pubblica a causa di ciò che è accaduto con Covid e la nostra intera comunità, il nostro intero paese e in tutto il mondo”, lei disse. “Siamo stati picchiati a morte dalle ricadute della pandemia di Covid”.

Wheeler, ora direttore delle sovvenzioni e dei contratti della contea, ha iniziato ricordando ai commissari che la creazione di un dipartimento o distretto sanitario locale era un obiettivo che precedeva la pandemia e la polarizzazione che l’ha portata.

Un incontro del 2019 con il Dipartimento statale della salute e dei servizi umani ha sottolineato la necessità di più infrastrutture sanitarie pubbliche locali.

“Stanno pensando a cose come la tubercolosi e il morbillo e le ispezioni nei ristoranti”, ha detto Wheeler. “Non pensano al Covid, si dicono: ‘Non possiamo raggiungerti se hai la tubercolosi. Siamo a 370 miglia dalla contea di Elko”.

Elko è come un’isola senza sbocco sul mare, ha detto Wheeler durante un’intervista con KHN. Sebbene abbia una popolazione inferiore rispetto alle contee di Clark o Washoe del Nevada, Elko si estende per oltre 17.000 miglia quadrate, rendendola la quarta contea per area negli Stati Uniti contigui e la seconda più grande del Nevada.

“Dobbiamo essere la nostra cavalleria”, ha detto Wheeler.

I commissari e i membri della comunità che si sono opposti alla sovvenzione hanno affermato che Elko non aveva bisogno di più risorse per la sanità pubblica o di un distretto o di un dipartimento sanitario. Si sono detti preoccupati per l’abbandono dell’autonomia locale e la crescita della burocrazia. Hanno anche espresso una mancanza di fiducia nei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

“Sei realistico al 100% sul fatto che il tempismo non potrebbe essere peggiore”, ha detto John Carr, allora presidente del comitato, durante la riunione. Sebbene abbia affermato di non essere d’accordo con tutte le teorie del complotto sul CDC promosse da altri, ha aggiunto che non credeva che ci si dovesse fidare dei funzionari del CDC.

Il commissario Rex Stinger ha dichiarato di aver votato contro la sovvenzione perché temeva che la commissione sarebbe stata “affiliata” alla nuova entità. “Le sovvenzioni sono sempre soggette a condizioni”, ha scritto in una e-mail di risposta alle domande di KHN. “Non vogliamo ostacoli al CDC [sic] Arrivare alla Contea di Elko.»

Wheeler ha sottolineato il sistema sanitario pubblico locale fratturato durante l’incontro, affermando che la creazione di un distretto o dipartimento sanitario può aiutare a ridurre la burocrazia e dare alla contea un maggiore controllo sulle decisioni prese dai funzionari statali. È chiaro che la contea ha bisogno di più risorse, ha affermato, citando i doveri di risposta alla salute pubblica che ha assunto nella sua posizione di direttore del transito.

“Non siamo esperti di salute pubblica, siamo solo persone disposte ad assumersi responsabilità e ad assumerselo”, ha detto Wheeler, riferendosi ad altri dipendenti della contea che hanno contribuito alla risposta della salute pubblica al virus.

Wheeler è rimasta delusa dal fatto che il consiglio di contea abbia rifiutato l’opportunità di sovvenzione, ha detto a KHN in ottobre. Ha detto che vorrebbe ancora vedere un giorno la salute pubblica diventare un lavoro per la contea.

Da quando ha parlato all’incontro quasi un anno fa, Hopkins ha affermato di aver trovato i servizi di salute mentale di cui ha bisogno a livello locale. Ma non tutti sono così fortunati come lei nel trovare l’aiuto di cui hanno bisogno vicino a casa, ha detto. Ha detto che la decisione della contea di rifiutare la sovvenzione del CDC la rattrista, ma accetta che sia una decisione della commissione.

Altri leader locali hanno visto la necessità di aumentare le risorse sanitarie pubbliche in mezzo alla pandemia. Il consiglio comunale di Elko ha scritto una lettera di sostegno per la sovvenzione del CDC il giorno prima che il comitato la respingesse. “Sappiamo per certo che non è qualcosa che la città vuole affrontare noi stessi”, ha detto Curtis Calder, amministratore della città. “Ma se i nostri partner regionali vogliono farlo come partenariato, siamo pronti ad aiutare ove possibile”.

Altre contee rurali del Nevada hanno collaborato con la University of Nevada-Reno School of Medicine per creare il Central Nevada Health District, che serve quattro contee e una piccola città vicino a Reno. JJ Goicoechea, commissario della vicina contea di Eureka e veterinario statale ad interim, ha scritto in una risposta via e-mail a KHN.

Ci sono vantaggi nell’avere dipartimenti sanitari locali gestiti e gestiti da persone che vivono nella comunità piuttosto che da un governo statale a centinaia di chilometri di distanza, ha detto Casalotti.

“Una delle cose che speriamo che le persone imparino dalla pandemia è che non vuoi costruire un aeroplano mentre vola”, ha detto. “Ad un certo punto, devi tuffarti perché la prossima crisi è proprio dietro l’angolo”.

Castrucci ha detto che la polarizzazione rimane un ostacolo.

“Questa è diventata una guerra santa”, ha detto, “è diventata una guerra tra giusto e sbagliato”. “Non so come superarlo in un luogo in cui diamo la priorità alla salute della nostra nazione”.

KHN (Kaiser Health News) è una redazione nazionale che produce giornalismo approfondito su questioni sanitarie. Insieme all’analisi e al sondaggio delle politiche, KHN è uno dei tre motori principali della KFF (Kaiser Family Foundation). KFF è un’organizzazione senza scopo di lucro che fornisce informazioni su problemi di salute alla nazione.

Usa i nostri contenuti

Questa storia può essere ripubblicata gratuitamente (dettagli).

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *